Default system browser

1 May 2006

Debian FAQs explain how to manage many packages that provide different versions of a program, both of which provide the same core functionality. Today I learnt how to use update-alternatives to choose Swiftfox as my default system browser.
I installed Swiftfox in /usr/local/swiftfox, so here it is: 

update-alternatives --install /usr/bin/x-www-browser x-www-browser /usr/local/swiftfox/swiftfox 90
update-alternatives --config x-www-browser

Do it as root. You can replace the value "90" with a most appropriate value.

technorati tags: , , ,

Places Feature cut from Firefox 2

1 May 2006

"Places", the new bookmark and history system originally scheduled for inclusion in Firefox 2 will be disabled in official builds.
http://arstechnica.com/news.ars/post/20060430-6701.html

Talking about Favorites, the Places feature would have made Firefox 2 similar in some ways to Flock (or vice-versa).

Shared goals between Flock 1.0 and Firefox 2.0/3.0:
http://feeds.flock.com/flock-pays-for-fixing-mozilla-bugs
More info about "Places":
http://arstechnica.com/news.ars/post/20060320-6416.html
http://wiki.mozilla.org/Places
http://wiki.mozilla.org/Places:User_Interface

technorati tags: ,

Building Firefox on my old laptop

29 April 2006

#1

I followed this resource .

I changed a line – like this:

ac_add_options --enable-optimize="-O3 -march=pentium-m -mtune=pentium-m -pipe -ftracer -fomit-frame-pointer"

I also added these lines:

ac_add_options --enable-static

ac_add_options --disable-shared

Building begin: 02.53 AM …

…Building end: 07.15 AM

Result:

../../dist/lib/components/libgfx_gtk.a(nsDrawingSurfaceGTK.o): In function `nsDrawingSurfaceGTK::~nsDrawingSurfaceGTK()':nsDrawingSurfaceGTK.cpp:(.text+0x7d6): undefined reference to `XftDrawDestroy'
:nsDrawingSurfaceGTK.cpp:(.text+0x80f): undefined reference to `XftDrawDestroy'

collect2: ld returned 1 exit status

make[4]: *** [firefox-bin] Error 1

make[4]: Leaving directory `/home/intersezioni/mozilla/firefox-bin/browser/app'

make[3]: *** [libs] Error 2

make[3]: Leaving directory `/home/intersezioni/mozilla/firefox-bin/browser'

make[2]: *** [tier_99] Error 2

make[2]: Leaving directory `/home/intersezioni/mozilla/firefox-bin'make[1]: *** [default] Error 2make[1]: Leaving directory `/home/pinna/mozilla/firefox-bin'make: *** [build] Error 2

# 2

I read the "gtk 2.8 builds are broken due to missing xft dependencies" bugzilla page

I'm going to disable pango support, add three lines as suggested by Marco Perez and try again.


(…some hours later…)

No errors in

make -f client.mk build
 

This is the output of

make -C firefox-bin/browser/installer/ :
Creating package directory...

rm -f -rf ../../dist/xpt

/usr/bin/perl -I/home/pinna/mozilla/xpinstall/packager -e 'use Packager; \

Packager::Copy("../../dist", "../../dist/firefox", \

packages-static", "unix", 1, 0, 1);'

Error: package file "SCALAR(0x814c684)" is not a file or is unreadable.

See '-e --help' for more information.

Exiting...

make[1]: *** [firefox-1.5.0.2.en-US.linux-i686.tar.gz] Error 4

make[1]: Leaving directory `/home/pinna/mozilla/firefox-bin/browser/installer'

make: *** [all] Error 2

make: Leaving directory `/home/pinna/mozilla/firefox-bin/browser/installer'

Automatic update to latest Flock Testing build via crontab

27 March 2006

don’t do this if you want to give feedback to Flock development.

Note: to be modified according to http://tinderbox.flock.com/builds/linux/latest/

When I start Flock, I choose between two different buttons. The first points to Flock 0.5.13, while the second points to the latest build.

I added a crontab entry in order to get every hour the latest Flock linux build. It downloads the compressed archive from http://tinderbox.flock.com/builds , then uncompresses the archive and places it into my home directory.
I’m not a programmer. It really should be written differently.

This is just one line:

51 * * * * wget -r -nH –cut-dirs=3 –directory-prefix=/home/intersezioni/ http://tinderbox.flock.com/builds/linux/latest/flock-0.7.en-US.linux-i686.tar.gz; rm -rf /home/intersezioni/flock/ ; tar xzf /home/intersezioni/flock-0.7.en-US.linux-i686.tar.gz -C /home/intersezioni

Have a look to crontab use. “51 * * * * ” means that it will run at 0.51 AM, 1.51 AM, etc.

The second Flock button points to:
/home/intersezioni/flock/flock

It seems working. Having Flock updated while I’m using it doesn’t seem break anything, and refreshing the about: page shows the update itself.
However, I guess I should achieve the same aim with a better crontab entry.
Any tips?

If you leave helpful comments, I shall sacrify a lamb for your sake.

Updates [italian]

20 December 2005

Published at Ossblog.

2005, December 15.

Aggiornamenti su Flock, il browser aperto

A un mese di distanza dai primi articoli in italiano, ecco alcuni aggiornamenti sullo sviluppo di Flock, “social browser” open source basato su Firefox. Il programma si rivolge in particolar modo a chi usa i blog e quei servizi basati su web con cui si condividono risorse personali come bookmark, foto o annotazioni. L’obiettivo e’ di facilitare e ottimizzare la fruizione e pubblicazione delle informazioni gestite tramite questi servizi.

In Flock questo viene ottenuto sia con l’integrazione nel browser di alcune funzionalita’ specifiche (come l’interfaccia per l’aggiornamento dei blog), sia attraverso un’infrastruttura e un modello di sviluppo aperti ai contributi della comunita’. La creazione di plugin, estensioni e toolbar da parte della comunita’ e’ infatti non solo prevista, ma caldeggiata dal team di Flock in modo da rendere il programma aperto all’interazione con nuovi web services e con le loro funzionalita’.

Flock e’ ancora in fase di pesante lavorazione: come indicato nella home page del progetto, le versioni scaricabili sono da considerarsi ufficialmente “anteprime per sviluppatori”. Entro la fine dell’anno e’ previsto il rilascio di una versione piu’ stabile. Il programma per ora risente di piccoli bug e di problemi piu’ seri: ad esempio crasha in alcune specifiche ricerche effettuate dalla searchbox e non consente ancora una gestione ottimale dei bookmark. Questi bug non impediscono un utilizzo quotidiano di Flock come browser, magari affiancato da Firefox, ma possono infastidire chi non sia abituato all’utilizzo di versioni beta o alpha.

Al momento tramite Flock e’ possibile aggiornare i propri blog su diverse piattaforme: WordPress, Blogger, LiveJournal, Drupal. Se per scrivere un articolo si vuole prendere spunto dal testo contenuto in una pagina web, e’ sufficiente selezionarlo e scegliere “Blog This” dal menu contestuale che appare facendo clic con il tasto destro. In questo modo viene attivata una delle funzionalita’ peculiari di Flock, cioe’ la scrittura e la gestione degli articoli dei blog, che avvengono tramite la finestra di un editor: in tale finestra troveremo gia’ inseriti il testo selezionato e un link alla pagina web da cui esso e’ tratto. L’editor consente sia una formattazione basic di tipo WYSIWYG sia l’inserimento di codice HTML, nonche’ l’inserimento delle tag di Technorati e (se il blog lo prevede) l’attribuzione dell’articolo a una o piu’ categorie del blog.

Una differenza sostanziale tra Flock e gli altri browser è la modalita’ di gestione dei bookmark. La classificazione degli indirizzi preferiti, che in Flock sono chiamati “Favorites”, si basa infatti sulle tags. A ciascun indirizzo memorizzato e’ quindi possibile attribuire non una sola, ma numerose categorie. Se l’utente lo desidera, la memorizzazione dei “Favorites” puo’ inoltre venire demandata ad un servizio web esterno come del.icio.us. I piani di sviluppo non vincolano l’utente a del.icio.us, ma prevedono la possibilita’ di scegliere altri fornitori di servizi analoghi; nelle ultime versioni e’ stato inserito il supporto ai servizi di bokee.com, fornitore cinese di blog e servizi web, con cui tra l’altro Flock ha recentemente stipulato un accordo.

Tramite altre funzionalita’ e’ possibile appuntare in rapidita’ frammenti di testo, immagini, link e altri materiali da utilizzare nella composizione di articoli dei blog, oppure caricare immagini in uno spazio come quello messo a disposizione dei propri utenti da Flickr e da altri servizi simili. Di questi strumenti parleremo eventualmente in un prossimo articolo; attualmente il loro funzionamento non e’ ancora soddisfacente. A questo proposito, il feedback degli utenti risulta come sempre molto utile agli sviluppatori per determinare quali siano i bug piu’ fastidiosi e per stabilire le priorita’ con cui affrontarli. Per questo il team di Flock ha messo a disposizione dei beta tester vari strumenti: oltre a una mailing list e ai forum, un canale IRC, un bug tracker e un wiki.

Nuove versioni di Flock vengono rilasciate ogni giorno, con l’inclusione delle ultime modifiche al codice apportate dagli sviluppatori. Dopo alcune settimane di utilizzo di queste versioni e di partecipazione alla piccola comunita’ di Flock, il mio parere personale e’ positivo. Si tratta di un programma interessante, e trovo sensato che venga pensato non per sostituire Firefox bensi’ per affiancarlo in una gamma specifica di attivita’ come il blogging. Il suo destino e’ legato a quello dei servizi web emergenti che vengono ricondotti all’espressione “Web 2.0″, tra i quali si pone come punto di raccordo; con essi condivide un futuro incerto, sebbene potenzialmente ricco di innovazioni.

Anche Firefox sembra avere in cantiere per le prossime versioni l’inclusione di nuove funzionalita’ destinate ai blogger. Ma va chiarito che gli stessi sviluppatori di Firefox dichiarano che questo si verifichera’ gradualmente e piu’ lentamente rispetto a quello che avviene con Flock, del cui sviluppo si sono definiti “esaltati”.

L’invito e’ quindi di provare Flock, magari nella sua versione piu’ stabile che sara’ rilasciata nelle prossime settimane, e a fornire feedback agli sviluppatori in modo da facilitare l’evoluzione di questo strumento open source.

technorati tags: